Registro CONI 2.0: aggiornamenti importanti

È già da un po’ di tempo – due anni per la precisione – che sentiamo parlare del nuovo Registro Coni e delle importanti novità introdotte.

PREMESSE – IL CONI ORGANISMO CERTIFICATORE

Dopo un 2018 con funzionalità limitate, a partire dal primo gennaio del 2019 il Registro Coni ha definitivamente cambiato volto riformando la sua precedente conformazione e i propri requisiti per il mantenimento dell’iscrizione e conseguentemente del riconoscimento sportivo.

Prima di iniziare a parlare del Registro occorre fare due premesse. La prima è la conferma che il Coni è l’unico organismo certificatore dell’effettiva attività sportiva dilettantistica svolta, dove per attività sportiva dilettantistica il riferimento è l’elenco delle discipline sportive definite con la delibera del CONI numero 1569 del maggio 2017. La seconda premessa riguarda invece l’iscrizione al Registro CONI: lo strumento adottato dal CONI per riconoscere definitivamente ai fini sportivi una associazione o società è il Registro, ovvero l’iscrizione dell’ente all’interno dello stesso.

Fissati questi punti è adesso più chiaro che dalla variazione delle regole di funzionamento di iscrizione al Registro e di mantenimento della stessa potrebbero derivare pesanti conseguente per le Associazioni o Società sportive dilettantistiche.

IL NUOVO REGISTRO CONI – SEZIONE PUBBLICA E RISERVATA

Cerchiamo quindi di tratteggiare assieme le caratteristiche di questo nuovo Registro 2.0.

Il registro si compone di due Sezioni, una Pubblica e una Riservata. La Sezione Pubblica, come dice il nome stesso, è liberamente accessibile da chiunque si connetta al sito del CONI. Già da questa pagina sono visibili una serie di informazioni dell’ente affiliato fino ad oggi inedite. Ma non è finita qui, con le proprie credenziali qualsiasi sportiva dilettantistica potrà accedere alla propria sezione Riservata. Da questa sezione si ha accesso ad una panoramica informativa completa dell’Associazione o Società sportiva dilettantistica. Navigando tra le varie schede è facile notare la grande mole e qualità dei dati presenti come le affiliazioni, i tesserati in corso di validità e tanti altri. Tra le differenti sezioni ce ne è una inedita, quella relativa alle Attività.

È quella che maggiormente ha destato apprensioni, soprattutto con riferimento al mantra collegato “almeno un evento l’anno” che da gennaio ha iniziato ad impazzare nel settore.

Prima di passare a commentare questa novità voglio però darti una notizia che potrebbe non piacerti: sia l’Agenzia Entrate sia l’INPS possono liberamente accedere a tale sezione. L’Agenzia delle Entrate su tale possibilità ha pure chiaramente ammesso – con la celebre circolare 18/e del 2018– che sulla base delle attività risultanti dal Registro individuerà i soggetti sui quali effettuare il controllo. Certamente essere controllati può non far piacere, tuttavia, nel tentativo di vedere il bicchiere mezzo pieno, questo può essere un utile strumento per distinguersi e dimostrare la concretezza della tua attività sportiva.

IL NUOVO REGISTRO CONI – EVENTI SPORTIVI

Tornando agli eventi, se ne prevedono tre tipologie che, anche se in mancanza di specifici chiarimenti, cerchiamo di commentare uno ad uno:

  • Attività Sportiva: costituisce l’attività principe di ciascuna sportiva dilettantistica, difficile immaginare un ente che non svolga questo tipo di attività;
  • Attività Didattica: è l’attività mirata alla diffusione dello sport, potrebbe essere quindi identificata come un’attività propedeutica o di introduzione allo stesso;
  • Attività Formativa: è un’attività che si distingue dalle altre non trattandosi di una vera e propria attività fisica in quanto sembra spostarsi più sul lato teorico e conoscitivo delle varie discipline.

Una volta descritte queste attività rimane da chiarire chi può organizzarle. Sicuramente l’ente sportivo di riferimento ovvero l’organismo affiliante oppure, come enunciato all’interno del Regolamento al Registro, Associazioni o Società espressamente autorizzati dall’Organismo Sportivo di Affiliazione.

Arrivato a questo punto emerge chiaramente che sostanzialmente sono due le grandi novità. La prima, l’ingente flusso di dati liberamente a disposizione dei controllori. La seconda, il nuovo ulteriore obbligo imposto dal regolamento di svolgere una comprovata attività sportiva, dove il riferimento è l’elenco CONI.

 IL NUOVO REGISTRO CONI – EVENTI SPORTIVI: PERCHE’ ORGANIZZARLI

Ti starai adesso domandando se sia effettivamente necessario svolgere una attività sportiva che venga documentata all’interno del Registro. La risposta non può che essere positiva, vediamo insieme per punti il perché:

  • la delibera n. 1574 del Consiglio Nazionale del CONI che ha introdotto il Registro 2.0 consente il libero accesso ai controllori;
  • la Circolare 18e dell’Agenzia ammette chiaramente che se non vengono mappate sul Registro le attività aumentano le probabilità di essere selezionati ai fini di un controllo;
  • tra i requisiti per l’iscrizione, ovvero per il mantenimento della stessa, vi è lo svolgimento di una comprovata attività sportiva e didattica;
  • tra le specifiche tecniche, più precisamente tra le procedure automatiche di sospensione dal Registro vi è il caso di mancata partecipazione ad eventi sportivi.

Cosa fare, soprattutto in questa prima fase, per adempiere a quanto richiesto?

Ciascuna Associazione/Società affiliata dovrà trasmettere al proprio Comitato l’evento eventualmente organizzato e i tesserati in corso di validità partecipanti allo stesso; questa dovrà diventare una prassi consolidata al pari di quella del tesseramento.

 RIAPERTURA DEI TERMINI

Ed ecco in conclusione una buona notizia! A seguito dell’ultima Circolare di Asi Nazionale, fino al giorno 30 settembre 2019 il CONI, al fine di venire incontro alle Asd e Ssd ad oggi riconosciute, ha riaperto i termini per la comunicazione degli Eventi Sportivi e Formativi svoltisi dal primo gennaio 2019 ad oggi. Un’occasione pertanto da non perdere quella di andare ad iscrivere nel registro le attività fino ad oggi effettuate e non tracciate.

|di Michele Meucci, Commercialista esperto in ASD |

2 Comments

  • Avatar

    PIETRO CANINO

    |

    Sono il presidente della Calabria Racing atto registrato dal notaio nel 2005, prima iscritto al CONI FSN ACI/CSAI ora non accettano la mia iscrizione perchè non è ASD essendo atto pubblico. Mi potete dare una spiegazione in merito? grazie

    Reply

    • Avatar

      Asi Fisco

      |

      Un nostro professionista La contatterà al più presto via e-mail.

      Reply

Add Comment

Hai bisogno di aiuto?