Coronavirus, slittano le scadenze. Per quali adempimenti? E per chi?

Con il comunicato stampa del 26 febbraio 2020 l’Agenzia delle Entrate ha reso noto che a seguito del D.M. 24 febbraio 2020 nelle zone interessate sono sospesi gli invii di comunicazioni di irregolarità, richieste di documenti per il controllo formale, cartelle di pagamento e atti di recupero dei debiti tributari affidati all’Agente della riscossione.

Inoltre, il Consiglio dei Ministri, ha approvato il nuovo D.L. 2 marzo 2020, n. 9 che prevede una serie di misure urgenti per i soggetti che hanno la residenza,  la sede legale o la sede operativa nei comuni della cosiddetta “zona rossa” (Bertonico, Casalpusterlengo, Castelgerundo, Castiglione d’Adda, Codogno, Fombio, Maleo, San Fiorano, Somaglia, Terranova dei Passerini e Vo’):

  • Proroga dei versamenti in scadenza nel periodo compreso dal 23 febbraio al 30 aprile, relativi a: cartelle di pagamento emesse dagli agenti della riscossione; avvisi di addebito emessi dagli enti previdenziali ed assicurativi; atti di accertamento esecutivi emessi dall’Agenzia delle dogane e dei monopoli; atti di accertamento esecutivi emessi dagli enti locali sia per le entrate tributarie che per quelle patrimoniali; “rottamazione-ter”; “saldo e stralcio”. La scadenza di tali versamenti è prorogata al 31 maggio 2020 (differito al 1° giugno 2020 in quanto il 31 maggio è giorno festivo);
  • Sospensione del pagamento delle bollette di acqua, gas ed energia elettrica, fino al 30 aprile, con la previsione dell’eventuale rateizzazione delle bollette una volta terminato il periodo di sospensione;
  • Proroga dei termini per gli adempimenti e il versamento dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria in scadenza dal 23 febbraio al 30 aprile 2020;
  • Sospensione del versamento, per 12 mesi, dei ratei dei mutui agevolati concessi da Invitalia alle imprese;
  • Sospensione del pagamento dei diritti camerali.

Inoltre, come previsto dal decreto del Ministro dell’economia e delle finanze dello scorso 24 febbraio la sospensione dei termini per gli adempimenti e i pagamenti è estesa anche ai contribuenti che risiedono al di fuori della “zona rossa” ma si avvalgono di intermediari ubicati in queste zone.

Infine, a livello nazionale,  con un ulteriore comunicato stampa del 3 marzo 2020, l’Agenzia delle Entrate ha fornito ulteriori chiarimenti sulle nuove scadenze degli adempimenti.

Slitta dal 7 al 31 marzo 2020 il termine entro cui i sostituti di imposta devono trasmettere la Certificazione Unica e dal 28 febbraio al 31 marzo quello entro cui gli enti terzi devono inviare i dati utili per la dichiarazione precompilata. È prorogato al 5 maggio 2020 – dalla precedente data del 15 aprile – il giorno in cui sarà disponibile per i contribuenti la dichiarazione precompilata sul portale dell’Agenzia. Infine, passa dal 23 luglio al 30 settembre 2020 la scadenza per l’invio del 730 precompilato.

Di seguito una tabella riepilogativa:

Adempimento

Scadenze 2020

(ante modifica)

Scadenze 2020

(post modifica)

Comunicazioni enti esterni (banche, assicurazioni, enti previdenziali, amministratori di condominio, università, asili nido, veterinari, ecc.)*

28 febbraio

31 marzo

Trasmissione telematica Certificazione Unica all’Agenzia

7 marzo

31 marzo

Messa a disposizione della dichiarazione precompilata

15 aprile

5 maggio

Termine di presentazione del modello 730 precompilato

23 luglio

30 settembre

* resta invariato il termine per l’invio dei dati delle spese sanitarie al sistema Tessera Sanitaria (31 gennaio 2020)

|a cura delle redazione di ASI Sport Fisco|

Add Comment

Hai bisogno di aiuto?